Trattamento per la cataratta a Torino: vederci chiaro non è più un sogno

Trattamento per la cataratta a Torino: vederci chiaro non è più un sogno

Se non trattata chirurgicamente, la cataratta può portare ad un offuscamento sempre più rilevante della vista e, successivamente, conduce spesso alla totale cecità, quindi, vale la pena contattare subito un centro di trattamento per la cataratta a Torino e chi, se non quello della Dott.ssa Pierangela Borromeo, oculista specializzata e dalla lunga esperienza professionale?

Classifica delle cataratte in base alla loro origine

  • cataratta dovuta al cosiddetto invecchiamento senile. Il normale processo di invecchiamento è la causa dell’opacità della lente.
  • cataratta secondaria. Questa condizione dell’occhio può avere origine in alcuni problemi agli occhi: miopia grave, glaucoma o distacco della retina. Anche le malattie croniche, come il diabete, possono essere complicate dalla cataratta. Infine, può essere coinvolta anche l’assunzione di determinati farmaci o l’esposizione ad alte dosi di radiazioni.
  • cataratta traumatica Un trauma oculare può portare all’opacità della lente.
  • cataratta infantile (congenita). Può essere uno dei sintomi di una malattia congenita come la trisomia o la galattosemia. La trasmissione di un’infezione (rosolia, toxoplasmosi o herpes genitale) dalla madre al feto durante la gravidanza può essere la causa di una cataratta dalla nascita.

Qual’è il trattamento per la cataratta a Torino?

L’unico trattamento per la cataratta è la chirurgia, che utilizza la tecnica della facoemulsificazione. Questa procedura, eseguita in anestesia locale con sole gocce (anestesia topica) o con un’iniezione intorno all’occhio (anestesia peribulbare), dura dai dieci ai venti minuti. Ciò avviene in regime ambulatoriale, vieni dimesso subito.

La tecnica prevede che, dopo aver praticato una piccola incisione di circa due millimetri, la lente venga polverizzata e quindi aspirata. Quindi viene introdotta una lente artificiale (impianto intraoculare), la cui potenza viene calcolata prima dell’operazione. Trasparente e flessibile, il materiale acrilico permette la sua introduzione nell’occhio senza aprire ulteriormente l’incisione iniziale. L’intera operazione viene eseguita al microscopio in un ambiente sterile.  In poche parole,  l’intervento consiste nell’asportazione del cristallino opacizzato e nel successivo impianto di una lente sostitutiva in materiale plastico.

Se vuoi vederci chiaro, scegli il trattamento per la cataratta a Torino , un’operazione non pericolosa e indolore! Rivolgiti oggi stesso alla Dott.ssa Pierangela Borromeo.

editor